BURBERRY STRIZZA L’OCCHIO A SNAPCHAT E DIVENTA IL FASHION BRAND PIU’ DIGITALE

Standard

web_agency_lugano

Burberry scalza Kate Spade, Ralph Lauren e Louis Vuitton e riconquista lo scettro di brand più digitale nell’annuale classifica Fashion Digital Index stilata da L2. (Fonte) Quest’ultima è una realtà che si occupa della valutazione delle performance digitali dei marchi e che misura l’attività di 83 brand sul web.
Quali sono i dati presi in considerazione per stilare questa analisi?
Offerta del sito web, e-commerce, digital marketing e attività sui social media. Per Burberry è un ritorno in vetta, dove era due anni fa: lo scorso anno, invece, il marchio guidato da Christopher Bailey era sceso al sesto posto lasciando libere le prime posizioni a Gucci, Coach e Tory Burch.
Quest’anno, i primi posti sono occupati, oltre che da Burberry, da Kate Spade, Ralph Lauren e Louis Vuitton.
La carta vincente giocata quest’anno da Burberry è stata la scelta di approdare sue piattaforme ancora poco utilizzate dai fashion brand: Periscope e Snapchat. Sorprendenti le cifre comunicate dalla stessa Burberry: il sito mobile ha visto triplicare le vendite nell’ultimo anno,lo
show di Burberry per la primavera-estate 2016 ha generato 200 milioni di visite sulla piattaforma Snapchat, mentre l’account di Twitter, lanciato nel 2009, ha raggiunto i 5 milioni di follower nel mondo. Burberry, infine, ha sottolineato di essere stato il primo brand a lanciare un canale dedicato su Apple Music.
Social media, piattaforme web di nuova generazione, e-commerce e digital marketing se ben utilizzati rappresentano le fondamenta del marketing di successo, ma attenzione …se mal gestite si ritorcono negativamente contro lo stesso brand, come un boomerang. (Melegatti è uno degli ultimi esempi)