Bambini iperconnessi, quando inizia la vita digitale?

Standard

Ormai fin da bambini abbiamo una vita digitale, fatto innegabile e inevitabile, che impone ai genitori un’attenzione specifica verso la azioni compiute online dai loro giovani figli

Siamo noi adulti a determinare il momento in cui inzia la cosiddetta vita digitale: lo facciamo quando mettiamo nelle mani dei nostri bambini o dei nostri ragazzi un dispositivo connesso alla rete, ma i fatti di cronaca sempre più frequenti in materia di cyberbullismo, stalking, sfide, suicidi hanno fatto scattare un campanello d’allarme richiamandoci ad un maggiore senso di responsabilità e protezione. Dobbiamo accompagnare i nostri figli anche nella loro vita digitale, dobbiamo dargli regole e insegnamenti che li aiutino a riconoscere e prevenire situazioni di pericolo.

Internet fa sempre più parte della loro vita quotidiana e spesso si avvicinano a questo potente mezzo senza una guida e ignorando i rischi che si celano nel web.

Rimando a un’indagine di Kaspersky Lab, che ha evidenziato come più della metà dei genitori teme che le minacce online per i propri bambini siano in aumento (51%) e che i propri figli abbiamo accesso incontrollato a contenuti inappropriati su internet (57%). Questi timori sembrano fondati e supportati dai numeri:

quattro bambini su dieci (41%) hanno affrontato almeno una minaccia online, come contenuti espliciti o inappropriati (12%) e software nocivi (10%), o hanno condiviso troppe informazioni personali (8%). Inoltre, quasi un terzo dei bambini (29%) ha ammesso di temere di diventare vittima di cyberbullismo .

“I benefici offerti dalla possibilità di essere sempre connessi a Internet ci portano a dimenticare che gli utenti più giovani sono naturalmente vulnerabili alle minacce online quando utilizzano i dispositivi connessi alla rete”, ha commentato in seguito all’indagine Morten Lehn, General Manager Italy di ‎Kaspersky Lab. “Per aiutare i nostri figli ad affrontare le numerose informazioni indesiderate e le esperienze traumatiche che possono incontrare online, dovremmo parlarne più spesso, e insegnare loro come proteggersi e come comportarsi in caso di incidenti. Tuttavia, genitori e insegnanti soffrono la carenza di strumenti educativi disponibili per guidare i bambini nel mondo digitale.

Sono tante le iniziative lanciate per aiutare genitori ed educatori tra queste consiglio proprio quella di Kaspersky Lab. che ha realizzato un libro dedicato a chi voglia affrontare queste tematiche con i propri bambini. Il titolo è “Kasper, Sky e l’orso verde” scaricabile direttamente dal sito.

Vi invito anche ai miei incontri finalizzati alla conoscenza degli effettivi rischi che si corrono in rete, senza demonizzarne l’utilizzo.

.Si terranno nel prossimo mese di novembre presso lo spazio culturale di Gallarate, Civico 3

Vai al sito per iscrizioni e date