PERSONAL BRANDING: COME NON DISATTENDERE LE ATTESE

Standard

brand_reputation

Costruire la reputazione aziendale è come creare una personalità. Il marchio o il brand, chiamiamolo come vogliamo, è fatto di personalità. Eppure ancora oggi non tutte le aziende hanno compreso quanto sia fondamentale mostrare ciò che sta al di là di un logo, al di là di un’immagine.

Questo non vuole dire che non ci si curi di immagine e comunicazione, ma che si parte da percorsi errati: quante volte mi è capitato di sentirmi chiedere dai clienti di intervenire per un “restyling” della loro immagine, partendo da una revisione del logo fino alla impostazione di nuove campagne di comunicazione.

Che cosa c’è di errato vi chiederete.

Ebbene, il piu’ delle volte l’azienda non tiene assolutamente in considerazione che dovrà sempre fare i conti con i consumer. Per quanto si facciano sforzi economici e si investano denaro e tempo nell’ operazione ogni risultato potrebbe essere vanificato da pessime recensioni e molto probabilmente, non perché l’azienda ha sbagliato o ha mancato di professionalità, ma semplicemente perché non ha equilibrato personalità e comunicazione.

Per dirla piu’ semplicemente: non c’è corrispondenza tra immagine percepita e personalità reale

Chi sono io? Questa è la prima domanda da porsi
Tutto comincia con voi. Siete divertenti? Intelligenti? Grandi con la gente? Ci sono aspetti di voi del vostro business piu’ evidenti di altri, piu’ radicati? Partite da quelli. Dovete apparire all’esterno per quello che siete effettivamente. E’ importante assicurarsi sempre che la propria immagine sia in linea con quello che gli altri percepiscono.

Da qui parte il lavoro corretto. Il consulente di marketing qualificato sarà in grado di aiutarvi a tradurre queste vostre qualità “personali” in un marchio efficace, coerente e interessante.

E’ un discorso che vale per grandi e piccole imprese: è necessario conferire una personalità alla marca e questo è oggi ancora piu’ agevole grazie al web e ai social, realtà in cui si gioca in prima persona, contesti in cui ha piu’ efficacia una foto di persone piuttosto che un logo perfettamente disegnato, ma impersonale.

Metterci la faccia è un rischio? Solo quando la personalità è fasulla e le competenze vantate non corrispondono alla realtà.

Naturalmente ci penseranno i vostri clienti a far venire alla luce le “discrepanze”!